Percorso

Mar08Giu201010:14

Il sole che si attarda a giocare tra i rami degli alberi disvela al viandante un sottobosco di ciclamini e di bucaneve che, dopo ogni pioggia, accoglie sul suo tappeto porcini e gallinacci, mentre il canto delle numerose specie di uccelli che danzano nel vento, allieta la passeggiata. Dagli anfratti più nascosti e dai dirupi più scoscesi potrete ascoltare l'ululato di qualche raro esemplare di lupo appenninico. Cinghiali e volpi invece, trovano ancora rifugio ideale per accoppiarsi e prolificare.

Il verde dei prati e dei pascoli viene interrotto da innumerevoli e minuscoli specchi d'acqua. E' qui che è ancora possibile vedere qualche cavallo allo stato brado o, più semplicemente, mandrie tranquille di mucche e greggi di pecore che al tramonto vengono ad abbeverarsi dopo un lauto pasto di foraggio.

E' sicuramente merito di questo foraggio e delle caratteristiche dell'erba se il latte e i formaggi di Frosolone sono talmente buoni da soddisfare i palati dei più severi buongustai che potranno gustare anche piatti a base di tartufi bianchi e neri, tesori preziosi nascosti nel sottosuolo della montagna di Frosolone.